Sogni d’oro con il Wiegenlied

A Cloi. Benvenuta!


Quattroequaranta ritorna per il secondo anno!

Per chi si fosse perso gli articoli dello scorso anno e non ha la più pallida idea di cosa stia farneticando, Quattroequaranta nasce per dimostrare che la musica classica non è solo per vecchi rimbambiti o per ricconi con la puzza sotto il naso, ma che è parte integrante della nostra vita quotidiana.

Conosceremo insieme i grandi nomi e le composizioni più famose, ma anche quelle meno note. Impareremo ad ascoltare con attenzione e a concentrarci di più sul ‘qui e ora’ tramite la musica.

Abolisco la regola non scritta (ma che ci insegnano a scuola) di qualsiasi bravo articolista che dice “mai parlare di sé in un articolo”, perché oggi voglio condividere con voi un piccolo angolo della mia vita privata come aggancio all’argomento di cui parleremo. Questa settimana infatti sono diventata “cugina maggiore” per la quarta volta, e questo articolo è per la piccola Cloi, per mia zia, e per tutti voi che avete fratellini o cuginetti che piangono sempre e volete farli calmare in modo da poter finalmente studiare. Oggi ci occuperemo appunto di ninne nanne: preparate i cuscini!

Le celebri ninne nanne dell’Ottocento

C’è un brano particolare che tutti voi conoscete soprattutto perché usciva fuori sotto forma di carillon da quei pupazzi strani che ci piazzavano in culla quando urlavamo. Il Wiegenlied op. 49 n. 4 di Johannes Brahms vi dice niente? No? Ascoltatelo qui o qui e poi ne riparliamo. Questa dolcissima ninna nanna che ha cullato innumerevoli sonni infantili fa parte di una raccolta di cinque Lieder (composizioni per voce e pianoforte di carattere popolare) composti nel 1868. Vi riporto il testo e la traduzione:

Guten Abend, gut’ Nacht, mit Rosen bedacht,                         Buona sera, buona notte, ricoperto di rose,

Mit Näglein besteckt, schlupd unter die Deck!                          adornato di chiodi di garofano, vai sotto la coperta!

Morgen früh, wenn Gott will, wirst du wieder geweckt              Domani mattina, se Dio vuole, sarai di nuovo sveglio,

Morgen früh, wenn Gott will, wirst du wieder geweckt              domani mattina, se Dio vuole, sarai di nuovo sveglio.

Guten Abend, gut’ Nacht, von Englein bewacht,                       Buona sera, buona notte, protetto dagli angeli

Die zeigen im Traum dir Christkindleins Baum                          che nel sogno ti mostreranno l’albero di Gesù bambino

Schlaf nun selig und süß, schau im Traum’s Paradies              dormi beato e dolce, guarda nel sogno il paradiso,

Schlaf nun selig und süß, schau im Traum’s Paradies              dormi beato e dolce, guarda nel sogno il paradiso.

Chi avrebbe mai pensato che il tedesco potesse essere così dolce? (Spoiler alert: lo è). Soltanto ascoltando questo Lied ci si sente di nuovo bambini. La musica è dolcissima come il canto di una mamma premurosa e ci avvolge facendoci sentire al caldo.

Ma scopriamone subito un altro leggermente meno noto ma altrettanto bello; si tratta infatti del Wiegenlied op. 98 n. 2 di Franz Schubert (YouTube o Spotify), composto nel 1816. L’impianto musicale è sostanzialmente lo stesso del precedente. Ecco il testo e la traduzione:

Schlafe, schlafe, holder, süßer Knabe,                              Dormi, dormi, piccolo dolce bimbo,

Leise wiegt dich deiner Mütter Hand;                                 cullato dolcemente dalla mano di tua madre;

Sanfte Ruhe, milde Labe bringt                                          un sonno tranquillo e piacevole

dir schwebend dieses Wiegenband.                                   ti porterà il dondolio di questa culla.

Schlafe, schlafe in dem süßen Grabe.                                Dormi, dormi nella tua dolce culla,

Noch beschützt dich deiner Mütter Arm;                             ancora ti protegge il braccio di tua madre;

Alle Wünsche, alle Habe faßt                                              tutti i suoi desideri, tutte le sue cose,

sie liebend, alle lieberwarm.                                                le tiene a sé amorevolmente, brillando d’amore.

Schlafe, schlafe in der Flaumen Schooße,                          Dormi, dormi nel soffice seno,

noch umtönt dich lauter Liebeston;                                      ancora qualche nota d’amore cresce intorno a te;

eine Lilie, eine Rose                                                             un giglio, una rosa,

nach dem Schlafe werd’ sie dir zum Lohn.                           dopo il sonno ti ricompenseranno.

Il Wiegenlied nel Novecento: quando la culla incontra la riflessione

Ma sentiamo, per esempio, quanto suona diverso dai primi due il Wiegenlied op. 41 n. 1 di Richard Strauss, composto nel 1899 (YouTube e Spotify). Concentriamoci sulla musica: siamo alle soglie del Novecento, tra pochi anni Schönberg scardinerà il tradizionale impianto melodico introducendo la dodecafonia. In questo Lied la musica non sembra seguire lo stesso concetto di armonia dei primi due: ci sono diversi cambi di tonalità, l’impasto sonoro è più confuso, più enigmatico, apre a diverse suggestioni, ci lascia qualche volta anche sorpresi. In poche parole: è completamente imprevedibile. Anche in questo caso vi do il testo e la traduzione:

Träume, träume, du mein süsses Leben,                        Sogna, sogna, tu, vita mia,

Von dem Himmel, der die Blumen bringt.                        del cielo che porta fiori.

Blüten schimmern da, die beben                                     Splende e ondeggia la fioritura

Von dem Lied, das deine Mutter singt.                             con il canto che la tua mamma intona.

Träume, träume, Knospe meiner Sorgen,                        Sogna, sogna, bocciolo dei miei pensieri,

Von dem Tage, da die Blume spross;                               del giorno in cui il fiore germogliò;

Von dem hellen Blütenmorgen,                                        di quel chiaro mattino fiorito

Da dein Seelchen sich der Welferscholoss.                     in cui la tua piccola anima si schiuse alla Terra.

Träume, träume, Blüte meiner Liebe,                               Sogna, sogna, fiore del mìo amore,

Von der stillen, von der heil’gen Nacht,                            della silente, santa notte,

Da die Blume seiner Liebe                                               quando il fiore del suo amore

Diese Welt zum Himmel mir gemacht.                             mi rese il mondo un paradiso.

Notate come il concetto stesso di ninna nanna sia diverso in questo caso: non è più una semplice melodia per far addormentare un bambino, ma diventa un’occasione di riflessione sulla vita umana e sulla rinascita. Non vi siete sentiti sia confortati dalla mamma che angosciati dal futuro? Io sì, e mi piacerebbe parlarne con voi: lasciate un commento e fatemi sapere cosa avete provato!

Federica Pisacane.

    One thought on “Sogni d’oro con il Wiegenlied

    • Voglio complimentarmi per aver dedicato questo articolo alla piccola Cloi che come te tuo fratello e cugini e tutti gli esseri sono il capolavoro che Dio ha fatto.Infatti ogni nascita è una magia e quella magia va continuata per almeno nei primi tempi della vita con meravigliose ninne nanne.che dire bell’articolo e condivido tutto ciò

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *