#Sanremo2018 minuto per minuto: i duetti dei Big, il vincitore delle Nuove Proposte


Ultimo arriva primo


Favino fa mangiare la sua polvere, duetti mediocri, ospiti speciali da tutti i giorni


20.45 Pronti, partenza, viaaaa!

Davanti a noi, i tre conduttori di spalle. Tutti vestiti in pelle nera, imbracciano dei chitarroni elettrici. Vai col rock, come sono fighi!! Baglioni si gira, inizia a cantare, vai caro dacci dentro. Spacca tutto. No, ma aspetta… ma io questa la conosco. Stanno cantando “Heidi” in versione rock ‘en roll. Non so come sentirmi a riguardo. Ma siii, fa ridere, ci piace. Proseguono con la sigla del cartone animato mentre alle loro spalle arriva un gruppone di ragazzetti in camicia a tovaglia da picnic. Ballano come dei Mahori durante l’inno di guerra, e finisce qui perché li cacciano via.

Michelle si spoglia e ci mostra il suo bel vestitino in toulle nero. Al contrario Baglioni presenta una paralisi facciale: non capisco se abbia le guance piene di noccioline o se qualcuno gli sta tirando gli angoli della bocca verso giù. La sua cera accompagnata ad un giaccone lungo nero lo ribattezzano come Claudio Adams.
Favino stasera è gasatissimo. Se dovessimo parlare di un percorso di crescita durante questo Festival, Pierfrancesco l’ha fatto davvero.  Talentuoso, la sua impacciatezza della prima serata era solo pura e innocente emozione.


Iniziamo con le gggiovani proposte!

20.54 Monteiro e il fard

Il truccatissimo ragazzo denota un’eleganza pazzesca. Solo a me la sua canzone ricorda moltissimo “A chi mi dice”? Specie la versione degli ormai sepolti Blue?
In generale è una canzone dolce, ti fa sentire cullato. I conduttori dovrebbero prendere lezioni di stile da questo ragazzo.

Voto: 8.


20.58 Mirkoeiltotalblack

Si corre, siamo già alla seconda proposta dopo 4 minuti. “Stiamo tutti bene” ma tu, Mirko, stai bene?
Gli occhioni di questo ragazzo racchiudono una dolce personalità. Profonda come la canzone. Secondo me con un testo così si merita un bel posto sul podio. Mi ripeto, Cristicchi sarebbe fiero di lui e dato che è un invitato della serata, spero che dietro alle quinte dia una pacca sulla spalla a questo caro ragazzo.

Voto: 9.


21.03 Alice datti al cucito

L’attenzione subito si sposta sul maestro d’orchestra e la sua bellissima cravatta a semaforo e vorrei restasse lì. Invece no, mi tocca iniziare ad ascoltare ‘sta lagna. Va bene, allora mi distraggo con il vestito. Bellissimo abito di pizzo nero e chiffon. Peccato che l’abito non faccia il monaco e che siamo al Festival della canzone italiana e non ad una sfilata di Valentino. Perciò, mediocre.

Voto: 4.


21.08 Il quarto è Ultimo

Sono piacevolmente sorpresa che, anziché aggiungere guanti e cappello di lana all’outfit siberiano di ieri sera, il cantante ha deciso di togliere qualche capo di troppo. Inoltre ha assunto una carica incredibile nel giro di 24 ore. E bravo ragazzo! Ha dato grinta alla canzone e finalmente mi trasmette qualcosa. E sapete cosa vi dico? Si merita un posto sul podio. Sperando non l’Ultimo.

Voto: 8.


21.13 Sono Giulia, sono emo, ho il ciuffo, mi taglio

Gioiosa, luminosa, sprizza allegria da tutti i pori. Ah no, no. La signorina Morticia potrebbe fare coppia con Baglioni. Fa la dura, vocione e fare da gangstar. Ma “Come stai?”. Un po’ giù di morale, cosa dici? A guardarla a lungo finisco col pensare a tutto ciò che c’è di sbagliato nella mia vita, perciò mi focalizzo sull’abito che è estremamente elegante e sensuale. Arriva Baglioni che la completa con il suo giacchino bianco e la cera facciale sorprendentemente più colorita. La camicia con i perloni ucrainchi fa estremamente c….e.

Voto: 4.


21.17 Mudimbi il principe d’Egitto

Che stile, che stile!! Certo che questi gggiovani hanno dei gusti nel vestire strabilianti! Belli e ancora belli, bisognerebbe che i Big imparassero qualcosa da loro. L’abito argentato del giovane Mago lo rende un principe delle Mille e una notte. Ci incanta tutti con il suo fare da Aladdin e i suoi passi incrociati misti a moonwalk che lo fanno scivolare sul palco dell’Ariston come se fosse la cosa più naturale del mondo.

“Il mago c’est moi”. Voto: 9, voilà.


21.21 Eva e i guanti. Ah no, son tatuaggi

Io ho un problema. Mi dispiace, ma non riuscirò a concentrarmi abbastanza su di lei. Il piercing che le fuoriesce dall’angolo della bocca è peggio di qualsiasi fogliolina di rucola tra i denti della persona che ti sta parlando. E quindi niente da fare, sono concentrata su quell’obbrobrio e il mio cervello sta resettando tutto ciò che canta.

Ah, è finita la canzone. Voto: eeeeehm… 2?


21.25 Lorenzo cuore di peluche

Il ragazzo ha una faccia da cinema. In tv ci sta a pennello, potrebbe essere un ottimo attore o presentatore. ma allora perché ha deciso di intraprendere proprio la professione del cantante? Fa pure un balletto alla High School Musical, aiutato da i suoi ridicolissimi compagni con lo zainetto. Sarò timida io, ma come si fa a essere così estroversi? Davvero la gente non si vergogna quando fa ‘ste cose. Ah i soldi, è vero ci sono di mezzo i soldi.

Voto: 3.


E i gggiovani son finiti. In generale queste Nuove Proposte sono valide e fresche. Hanno un’eleganza da far invidia. Non so scegliere un vincitore, ma tanto son certa che il risultato sarà esattamente l’opposto di come la penso io.


21.36 Si ricomincia

Scendono le scale Qui, Quo e Qua. Baglioni come già detto in bianco, Favino con una robotica giacca argento brillantinata, e la Hunziker indovinate un po’? In nero. E basta, che strazio. Sembra una vedova in perenne lutto. Non un gioiello, una scollatura, uno spacco. Una contadina sarda.
Prende la parola Favino, ma com’è diventato bravo e simpatico! Vince il premio come miglior presentatore dell’anno. Non gli davo una lira, gli concedo i milioni che guadagnerà.

È evidente l’ansia che hanno di fare tutto in fretta, già sanno che non faranno in tempo. Già so che prima delle tre di notte non andrò a dormire. Portatemi del caffè!

Diamo il via ai Big accompagnati dal loro ospite a scelta che duetterà con loro durante la canzone.


21.42 Rubino Rossi

L’amico Fritz ama i colori, e presenta una giacca con un doppio bavaro arcobaleno con strass che richiama il vestito Rubino (ehehe) della Rossi. Santa Serena che mi ha finalmente fatto apprezzare la sua canzone. Ci dà tutta la carica che solo i napoletani hanno nel corpo e fa conquistare al concorrente l’intero pubblico.

Voto: 7.

Niente Favino e la sua tripla dose in vena lo rendono così simpatico mentre imbraccia un sax gentilmente fregato all’orchestra e annuncia a Baglioni l’abbandono dal ruolo di presentatore per quello da musicista. Pierfrancesco Show mannn.


21.48 Sarcina regala la tua parruca a Skin

La stanga da urlo di Skin arcobaleno accompagna il gruppo e rende il tutto così vibrrrante. Ma dice solo “Take me on”? Mi sa che ha sbagliato canzone. “Sbagliato, sbagliato, sbagliato…” anche Sarcina glielo ripete.
E niente, stasera sull’Ariston c’è una carica da far paura.
Skin con una bocca da cavallo che nitrisce dà un leggerissimo bacio a stampo a Sarcina e son scintille!

Voto: 8.


21.58 Michelle e i suoi continui ringraziamenti a pubblico, orchestra, trucco, parrucco e chi più ne ha più ne metta.


22.00 Noemi, Turci e il testosterone

Arriva la fiamma rossa, piacevolmente truccata e pettinata. Elegante finché non apre bocca e inizia a grattare sulle corde vocali come sempre. Davanti a lei, una muscolosissima Paola Turci imbraccia una chitarra elettrica che arpeggia come una classica. La grinta è da far accapponare la pelle, ma vi hanno messo la F all’anagrafe. Altroché donna che porta i pantaloni, queste bastonano pure.

Voto: 7.


22.03 #Vessicchio e le note..sul registro

Litigata improvvisata tra il professor Baglioni e il povero Vessicchio, ormai star mondiale, che si vede spezzare la bacchetta da direttore davanti agli occhi perché ha messo troppi bemolle sullo spartito. La lezione è chiara: niente direttori, solo dittatori!


22.06 Quando alle 22.08 devi fare jogging, ma alle 22.06 canti a Sanremo

Arriva Mario Biondi in felpa con cappuccio, camicia e farfallino. Forse aveva fretta, forse non voleva sporcarsi con il sugo della pasta mangiata due ore prima. Si fa accompagnare da Ana Carolina e Daniel Jobim che non si sa dove se li sia andati a pescare. Lei ha una voce potentissima, Jobim non so se è quello che suona il pianoforte o la viola. Non riesco ad apprezzare la canzone, o forse il genere. Era meglio quando sul palco dell’Ariston cantava il principe Emanuele Filiberto. Almeno lui aveva classe nel vestire.

Voto: 3.


22.11 #bimbiminkia

Improvvisamente lo standard di ascolti di Sanremo si abbassa da over70 a sotto i 13 anni. La bambolina Annalisa vestita come uno struzzo si fa accompagnare dallo sbarbatissimo #maiunpelo di Michele Bravi. Si guardano come due giovani innamorati, sono di una tenerezza da far venire i brividi. Vi prego baciatevi, aspetto solo questo. Abbraccio da super amiconi che fa sussultare. Belli mi hanno fatto sentire come quando Patty bacia finalmente Matias. E la canzone e indubbiamente tra le mie favorite.

Voto: 9 e mezzo infarto causa sospiri da fangirl.


22.17 Lo Zecchino Sociale

Datemi l’indirizzo di casa del cantante dello Stato Sociale. Ogni volta che lo vedo mi fa venire una voglia incredibile di abbracciarlo. Quest’orsacchiotto impacciato si porta con sé Paolo Rossi che a quanto pare sussurra domande e basta e un carichissimo Coro dell’Antoniano, con la direttrice gasatissima. Inutile dire che dopo la vecchia, con questa mossa si sono aggiudicati la vittoria del Festival. HANNO VINTO TUTTO. Basta. Il mio articolo finisce qui. Ho chiamato Baglioni e gli ho detto che non serve fare un’altra puntata. Va bene così. Ovazione? L’ubriacone di Paolo Rossi innalza un cartello con tale scritta e si becca del nano dal leader dello stato sociale. Amen.

Voto: 10. Chapeau.


22.25 E menomale che siam donne

Un saluto dalla Hunziker a quel trans mancato di Ema Stokholma di Radio2 e un benvenuto a quell’altro trans della Giannini. No vabbè, scusate, siamo a Siena e con questo commento potrei rischiare di venir falciata dai cavalli dell’Oca in difesa della loro beniamina.

Canta la sua “Fenomenale” con l’accento sulla sillaba sbagliata, indossando il classico completo maschile in bianco e delle scarpe da jogging rosso fuoco. Avrà appena finito anche lei la corsetta con Mario Biondi.

Battutaccia di cattivissimo gusto della Nannini a Baglioni “Tu sei il futuro della musica”. Risata congelatissima di Claudio che già aveva scelto la tomba alle pompe funebri.

Baglioni la butta là, le propone di condurre un Sanremo insieme. A lei vengono degli stranissimi spasmi, inizia a muoversi a scatti qui o là, si imbarazzata da morire, e si butta sul duetto canoro cercando di dimenticare la proposta appena ricevuta. E niente, stasera sarò smelensa ma con “Amore bello” ci conquistano tutti. La dolcezza è ai massimi livelli, ma improvvisamente alla Nannini torna in mente la proposta ricevuta e mentre canta si mette le mani sui capelli, fa una piroetta su se stessa e inizia a saltellare come un grillo. La dose deve averle fatto un effetto peggiore di quello fatto a #Tornasol due pali fa. Va bene la smetto, sto rischiando grosso.

Il tutto finisce con un tenero lento tra i due e.. Viva la musica italiana!


22.43 Favino e lo Zecchino d’Oro

Baglioni dirige un coro in cui canta Favino. Ma a quanto pare manca un membro e c’è costantemente uno spazio da coprire, così che Favino inizia a spostare tutti i coristi, lui compreso, ma ovviamente non si trova soluzione perché come quei giochini dove devi ricomporre il disegno spostando i quadratini, resta sempre un buco. Finché una nudissima Hunziker (ovviamente in nero) viene ingaggiata come occupa spazio.

Viene definito “un simpatico omaggio all’humor inglese”. Ah ecco perché non mi aveva fatto ridere.

“Savino” “Ravino” “vino” tutti sembrano essersi scordati il cognome del povero Pierfrancesco.


22.50 Max, Cristalda e lo scoglio

Mamma in direttissima mi racconta che Pizzomunno in Puglia è un grandissimo scoglio. Buona a sapersi, ci ascoltiamo questa favola-ninna nanna accompagnato dai musicisti Rita Marcotulli e Roberto Gatto. Si ma il duetto dov’è? Vorrei aprire un dibattito sul perchè venga bullizzato solo Jovanotti mentre Gazzè passa inosservato con la sua “sssss”.
La canzone è bellissima, tanto quanto l’altra sera. Tanto quanto perché non c’è stata nessuna differenza. Max, ma il duetto?

Voto: 6.


22.58 Hunziker nuda sei meglio

Cambia l’abito la svizzera, ma è sempre più un pugno sull’occhio. Vestito #nero, scollo a cuore e gigantesco fiocco fucsia da cameriera in sovrappeso sulla schiena. Vabbè, basta.


23.00 Quattro Decibel

Arrivano i Decibel con Midge Ure, in anticipo rispetto alla scaletta. Decidono di ritardare il tutto interrompendo la performance perché la chitarra dell’ospite ha qualcosa che non va. Enrico Ruggeri si giustifica dicendo che non possono far fare brutta figura a questo poverino che viene da “Glasgoooouuuuuwwww”. Good pronunciation. Andiamo avanti. L’ospite si confonde tra le voci del gruppo. Non denoto grosse differenze. Resta un gran pezzo di canzone.

Voto: 7.


23.07 La Vanoni inciampa sul labbro

Arriva la Vanoni, blatera qualcosa verso i conduttori ma il labbro cadente confonde il tutto. E non capisco. Neppure loro. Sguardo confuso ma d’intesa tra l’attore e la svizzera che preferiscono fare finta di niente e annunciano la song.

Preziosi, chiamato dalla Vanoni “perché è bello” (come dice lei), lo conoscevo solo come attore. E preferivo rimanere nella mia incoscienza. Pietoso. Ma alla Vanoni brillano gli occhi, si smuovono in lei vecchi fuochi. Quasi ringiovanisce. Nel frattempo, Orazio e Gaspare, di cui ancora non ho imparato i nomi, scompaiono sempre più dietro ai loro strumenti. La preferivo cantata solo da lei e dagli accalappiacani.
La Vanoni è più indignata di me vedendo la fiocca della Hunziker che la rende così tanto un pacchetto regalo.

Voto: 6.


23.13 Diodato, Roy Paci e la digievoluzione

Arrivano i miei due sconosciuti preferiti. Ma l’ospite dov’è? Ma eccolo che a metà canzone arriva. Che coso è questo? Due metri e mezzo d’altezza. Quali sono le sue origini? Che specie è? Il gigante biondo di nome Ghemon (sembra un Digimon) prende possesso del palco con le sue enormi proporzioni e una vestaglia da nonnetto. Regala, però, un sacco di carica alla canzone che finalmente mi colpisce. Ci sta.

Voto: 7.


23.18 Con furore dalla Svizzera…un bouquet!

Entra in scena la Hunziker vestita da mazzo di fiori e mentre cerca di annunciare la canzone, Baglioni ne approfitta per allungare le mani dicendo di voler togliere i fiori appassiti. Fa lo stesso Favino fingendosi un’ape interessata al “polline”.


23.20 Roby, Ricky e Giusy

La ex commessa del supermercato viene riportata nel mondo dei vivi da chi gli manca un passo per lasciarlo. Io vorrei che qualcuno mi spiegasse perché Roby Facchinetti mentre canta apre la bocca e emette gli stessi suoni di Dory che parla in balenese. Sta cosa mi dà sui nervi.
Il trio funereo sembrano un’imitazione de Il Volo in versione vecchietti da obitorio. Non ci siamo proprio.

Voto: 5.


Aiuto dopo la pubblicità ci annunciano il vincitore delle Nuove Proposte. Allora lo dico, secondo me vince Mudimbi con “Il Mago”. Se vince Alice, lascio la postazione e vado a casa.


23.30 Ci siamo, ci siamo ci siamo

Vai con i premi:

  • Mirkoeilcane vince il Premio della Critica “Mia Martini”
  • Alice Caioli vince il Premio della Critica Sala Stampa Lucio Dalla

3° posto: Mudimbi “Il Mago”

2° posto: Mirkoeilcane “Stiamo tutti bene”

1° posto: Ultimo “Il ballo delle incertezze”

Ultimo è primo. Infondo #Sanremo2018 è #catechismo, e Gesù ce lo aveva detto che gli ultimi saranno i primi.
Il cucciolo non sembra per nulla emozionato. Ha la stessa faccia di uno che vince la medaglia di consolazione ai Giochi della Gioventù. Pure la Hunziker cerca di incitarlo, sottolineando il fatto che “è un grande momento”. L’unica cosa che Ultimo blatera è che suo fratello riuscirà a vincere la sua battaglia.

Io non so che dire. Che tristezza!


23.38 Avitabile, Servillo e il pubblico da casa

Si passa da Gazzè che non canta con nessuno a questi due che hanno invitato sul palco metà della popolazione italiana. L’ospite d’eccezione, di cui ignoro il nome dato che ho capito non essere parte degli Avion Travel alle loro spalle, rende la canzone piacevolmente arabeggiante. Ed è subito Mediterraneo, calura e sabbie dorate.
Viene ridetto il nome dell’invitato, e io non lo capisco di nuovo. Top!

Voto: 8.


Nooooo basta. Sta pazza che vuole condurre Sanremo. Vestita da fatina della cenere, ottiene finalmente la possibilità di annunciare il prossimo cantante dalla sua rivale in gioco che tenta di accecare con la bacchetta magica. Sviene e ci mostra il lato B.


23.45 Gli Scapigliati

Shock. Arrivano Ermal Meta e Fabrizio Moro con… oddio ma questo è Cristicchi! Ve lo ricordate con “Ti regalerò una rosa”? Bene, ora aggiungetegli 10 chili, un barbone fino ai piedi, e un po’ di ciuffetti bianchi qui o là. Pure la voce da lirico. No ma secondo me non è lui. Cristicchi è scappato e loro hanno ingaggiato qualcuno dal pubblico. Comunque il presunto Cristicchi racconta una storiella pre-song e inizia a cantare con i due discutissimi cavalieri. E niente, sono solo brividi. Posso sposarli tutti e tre?

Voto: 9.


Hunziker presenta la giuria e l’inquadratura ci fa piacevolmente notare che è composta da Milly Carlucci, Giovanni Allevi e gente che non ho visto. Me lo immagino il vicino di poltrona di Allevi che deve sorbirsi gli spasmi del pazzo pianista.

(Nel frattempo ho fatto un giretto su Google per vedere qualche vecchia foto di Cristicchi. E niente, è davvero lui, solo che parrucca e barba si sono uniti in un cespuglio senza capo nel fine. Mi immagino lo zoo che ospita tra tutto quel pelo.)


23.57 Chi l’ha visto?

Claudio “imbraccia” il suo pianoforte, inizia a cantare “Tu come stai?“, ma come ormai sappiamo arriva una giornalista ad intervistare la sua canzone. Questa sera è il caso di Federica Sciarelli, che tra una disgrazia e l’altra non riesce a star seria mentre intervista BagliONE. “Sinceramente ho fatto interviste migliori”: te credo.

La donna è sollevata di poter fare una parte dove può ridere e non immusonirsi perchè deve annunciare la triste scomparsa di qualcuno.
Niente, i conduttori sono stati licenziati, ed è la Sciarelli ad annunciare i seguenti cantanti.


00.02 Caccamo e Claudio Bisio con la parrucca da Claudiano…ah no, è Arisa!

Duetto tra un Dorian Gray mal riuscito e una cosettina tappa con la gonnellina sconcia e ‘na parrucca. Ora vi faccio un confronto tra Arisa e la strega di Biancaneve. Trovate le differenze.


AIUTO. Aaaaaaaaa. L’apparecchio non l’avevo visto. Ma che èèèèèè???? Mi viene da piangere. Neppure la voce non sembra essere più quella di un tempo. SCHIFO.

Voto: 1.


00.07 Di fiore in fiore… e che fiore!!

Finalmente! Scende dalle scale una Hunziker mozzafiato!! Indossa un bellissimo abito a fiore violetto. Le è stata fatta giustizia. Stupenda, eccezionale, incantevole e chi più ne ha più ne metta. È Barbie Mariposa fatta realtà.


00.09 Per Lucio Dalla vuoi vedere che perderai anche meee

Arriva Ron accompagnato dalla vincitrice del Festival di Sanremo classe 1981. Bella come allora, dà un tocco meno “dallesco” alla canzone e piace di più. Anche se vedere Alice cantare con qualcuno che non sia Battiato mi spezza il cuore, devo dire che ha reso il tutto un duetto delizioso.

Voto: 7.


00.20 Quando staiiii…a Sanremooo

Na na na. Nananananananana. Che grinta, questo originale duo! Red è il meno invecchiato tra tutti i Pooh. Fare il bassista ti porta a vivere a lungo evidentemente. E così, accompagnato da Marco Masini, ci fa venire voglia di alzarci in piedi e saltare fino a rompere il pavimento. Tuturutututu.

Voto: 8.


00.26 Esplodono cuori e tamburi

Finalmente posso recensire i The Kolors. Li trovo carichissimi, ritmati e pieni di energia. A Stash la forza di gravità ha abbassato il ciuffo che toccava il cielo, ma la grinta è la stessa. Tre percussionisti in una canzone? No addirittura quattro con l’ospite Tullio De Piscopo. Ma Nigiotti? Eccolo, capellone, imbraccia un’elettrica e ci da dentro mandando per aria gli ormoni delle ragazze. Nel frattempo, Stash sbatte anche la testa sul tamburone.
Che fa? Stash si improvvisa #scaldapubblico e fa alzare tutti in piedi, uno per uno, accompagnato da un ritmo africano. La Gente si gasa. Stiamo tutti meglio neanche avessimo assunto dieci Red Bull. Nigiotti è servito solo a far esplodere un centinaio di ovaie e a schitarrare un pochetto. Il vecchietto invece ci ha dato dentro col tamburello.

Voto: 9. Energia!!


00.33 Premio Città di Sanremo

Viene invitata sul palco Martina Corgnati, figlia della cantante Milva. Spara una serie di citazioni a raffica, ci narra delle sue imprese eroiche per Sanremo. Pronuncia il nome Battiato quasi piangendo. La gente si silenzia e fa un applauso sentito. Mi prende un mezzo infarto. Per un secondo ho creduto che questa sera fosse morto Battiato. Non è così, e lunga vita a lui!
Viene mostrato il premio che domani sera verrà consegnato al fortunato conduttore e viene annunciato il prossimo ospite.


00.38 Arriva Pelù con la giacca in mano e cerca di usare Baglioni come appendiabiti

Non ci riesce, ma finisce col far spogliare anche lui e fargli indossare la sua giacca che non gli serve più. Pelù più invecchia più ringiovanisce, a differenza del suo compagno di filastrocche rock, Claudio, che appare ancora più un palo duro e stagionato.
Cantano quella che era una poesia di Battisti scandalosamente in versione rock. Poi Pelù dice che Lucio insegna che quando vieni mollato dalla tipa devi scrivere canzoni e non bruciarla con gli acidi. Profondo.


00.45 Sei così bella che… te darei da magnà!

Arriva Favino e sottolinea alla Hunziker il fatto che anche lui ha una famiglia, e che è presente tra il pubblico. E anzichè fare tante slecchinate come la svizzera, va da moglie e figliola e gli porta dei fiori e due toast. That’s amore!


00.48 Giampaolo mi passi l’olio?…ah no, er sale!

A fine Sanremo Barbarossa dovrà farsi le analisi del sangue. E gli converrà iniziare a cantare “il cuore è matto, matto da legare” e proporsi per lo spot dell’Actimel. “Er sale fa male”, e lo dici pure tu. Il duo con la Foglietta non lascia nulla. Ed era bene così, finché la Foglietta non riceve i fiori dalla Hunziker e se ne salta fuori con un “credevo che a quest’ora non li deste più”. E Barbarossa ribadisce “a quest’ora costano meno”. Spilorci. Siete al limite del fastidioso.

Voto: 2.


01.00 Zzzzzzz….. ah c’è la Zilli!

Io mi sto per addormentare, ma un baciamano fatto da Sergio Cammeriere alla Hunziker mi risveglia. Che galantuomo! Inizia il suo assolo con il pianoforte e dopo cinque minuti attacca la Zilli. Figa come non mai, si migliora la canzone invitando un degno duettante. La canzone ha una tematica che la può portare dritta dritta sul podio.

Voto: 8.


01.07 Favino tuttofare

È tutta la serata che si intrufola tra l’orchestra e si appende un sax al collo. Ma ora si spiega il perché, lo sa suonare! Eccome anche. E bravo Favino, sei pieno di talenti.


01.10 Elio Nero e i Bianchi per caso

La canzone d’addio degli Elii si trasforma in una ballata da sagra grazie ai Neri per caso. Vestiti di bianco. Manca solo il salame e tanto vino scadente. I vecchietti che ballano la quadriglia li peschiamo dal pubblico.
Arrivedorci, speriamo lo sia anche per questa interminabile puntata.

Voto: 5.


01.15 Salutone al dopo festival che può essere direttamente rimandato a dopodomani

La zingara che lo conduce giustamente esclama “quando volete siamo qui”. Le notti brave che si fanno questi non gliele invidio per nulla.

Momento classifica, ma la classifica non c’è. Inizia un “popopopo” sdrammatizzante, che rende il tutto più imbarazzante con Qui, Quo e Qua che battono le manine a tempo.


Ci siamo.

Nella parte alta della classifica (blu): Max Gazzè, Luca Barbarossa, Giovanni Caccamo, Ermal Meta e Fabrizio Moro, Ron, Ornella Vanoni, Diodato e Roy Paci.

 Nella parte media della classifica (gialla): Le Vibrazioni, Annalisa, The Kolors, Enzo Avitabile e Peppe Servillo, Red Canzian, Lo Stato Sociale.

Nella parte bassa della classifica (rossa): Decibel, Roby Facchinetti e Riccardo Fogli, Noemi, Renzo Rubino, Mario Biondi, Elio e le Storie Tese, Nina Zilli.

Gentilmente Qui, Quo e Qua ci risparmiano la sigla alla Cristina D’Avena e non mi resta che augurarvi buonanotte. Anzi, per voi buongiorno.

È stato un piacere poter recensire #Sanremo, ma non nego di sentirmi un mezzo zombie come quei poracci del Dopo Festival. Vi lascio nelle mani di Mattia per la finalissima.

Au revoir.


Chiara Bellemo.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *