ALIAS // ALIEN: uRadio promuove la tutela delle persone in transizione


Incontro all’Unistrasi per fare il punto della situazione


Domani, 26 Aprile, dalle 10.30 all’Università per Stranieri di Siena (Aula 1- 2) si discuterà di doppio libretto (o carriera alias).

 

Ma di cosa si tratta?

Di questa possibilità si sono dotate le università di Venezia e Pisa, ma anche l’Università per Stranieri di Siena.

In pratica, gli studenti che si trovano nella fase di transizione da un genere all’altro, potranno attivare un’identità “Alias” che si traduce in un duplicato del tesserino universitario. L’obiettivo è quello di tutelare la dignità e la privacy degli studenti e delle studentesse transessuali e transgender.

Il documento ha valore esclusivamente all’interno dell’Ateneo, ma è un primo passo per vedere riconosciuta la propria identità all’interno del mondo dell’istruzione.

 

Siena: a che punto siamo?

Come si diceva, l‘Unistrasi permette di avvalersi di questa opzione. Lo stesso non si può dire dell’Unisi: il dibattito è in corso ma la strada non sembra particolarmente semplice …

A questo proposito, parteciperanno al dibattito di domani sia il Magnifico Rettore Cataldi (Unistrasi), sia Magnifico Rettore Frati (Unisi).

Un’occasione, insomma, per aprire ulteriormente la porta a nuovi diritti che, allo stato attuale, dovrebbero essere quantomeno garantiti.

 

uRadio media partner.

Qui entriamo in gioco noi: i reporter di uRadio hanno intervistato svariati studenti, interrogandoli sull’argomento. Il video realizzato aprirà l’incontro e sarà poi visibile sui nostri canali.

Possiamo anticipare che la maggior parte degli intervistati non sapeva nulla della carriera alias: un buon mezzo per aprire un dibattito e aprirsi alla civiltà non sarebbe quello di informare i propri studenti?

A voi la parola quando avrete visto le nostre videointerviste.


Mattia Barana.

 

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *