Live Rock Festival: il racconto del quarto giorno e le foto dei live

uRadio torna a raccontarvi il Live Rock Festival di Acquaviva. Siamo arrivati alla quarta giornata e dire che questo sabato è stata intenso non renderebbe affatto l’idea, con una scaletta che dalle 21 e 30 prevede la conclusione alle 7 del mattino.

Noi c’eravamo, ecco come è andata.

Il talk previsto in apertura dovrebbe assicurare un inizio di serata abbastanza tranquillo. Ma quando gli invitati sono Willie Peyote e Pippo Civati ogni prospettiva di leggerezza e tranquillità viene meno. Non sono a sedere nemmeno da due minuti e hanno già aperto il loro bel siparietto di critiche, e così sarà fino alla fine dell’intervento. Nel minestrone finale troviamo in maniera indistinta giornalisti, politici, persone dello spettacolo, imprenditori.
Ma anche Willie poi viene fatto passare al macero delle critiche, una voce dal pubblico non deve avere apprezzato moltissimo una certa sua barra su twerk e patriarcato a giudicare dall’inno gridato più volte: “pensa al tuo di culo, non al mio“.

Foto di Alice Fusai
Foto di Alice Fusai

Emma Nolde

Quando arriva Emma Nolde sul palco l’atmosfera cambia radicalmente. Vestita di bianco, esile, con dei capelli lunghi kilometri ha una grazia e una eleganza che molto probabilmente derivano dalla delicatezza e da una certa ingenuità. Toscana e giovanissima, porta un cantautorato di stampo innovativo, con dei testi che potrebbero benissimo essere delle poesie e un’immaginario forte e coeso.

Foto di Alice Fusai
Foto di Alice Fusai
Foto di Alice Fusai

I Comet is Coming

È il turno dei Comet is Coming, gruppo londinese ormai attivissimo nella scena del nu jazz inglese. Sul palco sono in tre ma è come se fossero dieci, con le loro improvvisazioni lasciano tutti a bocca aperta e trasformano l’Ex Fierale in una specie di rave intergalattico.

Foto di Alice Fusai
Foto di Alice Fusai
Foto di Alice Fusai

Godblesscomputers

Giungiamo direttamente all’alba. C’è il freddo della mattina presto, il sonno arretrato e la stanchezza, eppure siamo sempre qui. La luce cambia nel giro di pochi minuti, un azzurro che ricorda le foto di Luigi Ghirri apre il palco ad un altro ragazzo dell’Emilia-Romagna, godblesscomputers. Il suo djset accompagna questo ultimo momento della giornata in un crescendo che asseconda perfettamente l’atmosfera che si è creata. Il pubblico si divide tra chi beve il primo cappuccino della giornata e chi l’ultimo gintonic, ma tutti sono comunque completamente immersi nei suoni.

Foto di Alice Fusai
Foto di Alice Fusai

Un’esperienza davvero incredibile questo quarto giorno del Live Rock Festival, domani arriva il racconto del quinto e ultimo giorno. Stay tuned.


Alice Fusai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.