Sogni ad occhi aperti con Čajkovskij e il suo Concerto per violino

Ben ritrovati ad un nuovo appuntamento con Quattroequaranta! Questa settimana la nostra nave attraccherà in mezzo al ghiaccio della Neva e andremo a salutare il compositore russo più conosciuto nella storia del mondo: Pëtr Il’ič Čajkovskij (Kamsko-Votkinsk, 1840 – San Pietroburgo, 1893). Compositore geniale e prolifico, ha fatto parlare molto di sé non solo per[…]

Lontano dai riflettori: Mikhail Arkadev in concerto

La musica classica non è fatta solo di sale da concerto prestigiose, teatri d’eccezione e grandi nomi. Esistono anche chiese barocche in piazzette nascoste, ingressi gratuiti e nomi meno noti al grande pubblico. In queste occasioni chiunque può godersi un’ora di buona musica. Così la musica classica distrugge il marchio indelebile che l’età moderna le[…]

Ironia e allegria con il Carnevale degli Animali di Saint-Saëns!

Quattroequaranta questa domenica vi porta in gita allo zoo! No, non sono impazzita, ma nemmeno vi ci porto davvero… Oggi scopriremo insieme l’irriverente brano di uno dei compositori più geniali dell’universo, bambino prodigio e chiacchieratissima personalità della scena musicale del suo tempo. Se state pensando ad un ometto un po’ maleducato con la parrucca impomatata e l’accento[…]

Poesia e musica insieme: Gretchen am Spinnrade di Schubert

Dopo le grandi abbuffate pasquali ci ritroviamo ancora una volta con Quattroequaranta, che vi proporrà una grande scorpacciata di musica! Spero vi siate riposati a sufficienza durante le vacanze, perché partiremo alla scoperta di un genere musicale conosciuto anche ai profani: il Lied. Oggi parleremo infatti di Gretchen am Spinnrade (Margherita all’arcolaio) op. 2 D[…]

Sonnolenza e allergie: La Primavera raccontata da Vivaldi

Insomma, la Primavera è arrivata: le giornate si stanno allungando sempre di più, le temperature si alzano, ogni tanto (a Siena molto più di frequente, in verità) uno scroscio d’acqua ci sorprende, i pollini si divertono a farci starnutire e a rendere i nostri occhi più rossi di quelli di un fattone… Il canto degli[…]

Micat in Vertice, è la volta del Quartetto Aris: recensione del concerto ed intervista

Attenzione attenzione, la nave di Quattroequaranta tocca terra di nuovo! Questa settimana, un po’ per pigrizia e un po’ per mancanza di carburante, siamo sbarcati ancora all’Accademia Chigiana nell’ambito della novantaquattresima edizione della rassegna musicale “Micat in Vertice”, che è ormai diventata un’istituzione nel panorama non solo senese ma nazionale. Venerdì scorso è salito sul palco[…]

Breve, brevissimo spaccato sul valzer: La Valse di Maurice Ravel

Continua il nostro minuscolo viaggio nel valzer: se per qualche sbadataggine vi siete persi la prima e la seconda tappa le troverete qui e qui. Se invece siete stati fedeli fino all’ultimo vi meritate una pinta di birra. Allacciate le cinture perché stiamo per infilarci in un gran casino dal quale si esce difficilmente integri.[…]

Breve, brevissimo spaccato sul valzer: Sul bel Danubio Blu di Johann Strauss Jr.

Quattroequaranta questa domenica è in trasferta, ma non vi lascerà mai senza un articolo! Oggi torneremo a ballare, esattamente come abbiamo fatto domenica scorsa, ma questa volta ci spostiamo nella magica Vienna, nel palazzo di qualche aristocratico o altoborghese. Mi raccomando, è obbligatoria la cravatta nera, perciò toglietevi i vostri vestiti da piccolo borghesi e[…]

Breve, brevissimo spaccato sul valzer: il Mefisto Valzer di Liszt

Ed eccoci finalmente ad una nuova tappa del viaggio attraverso la musica classica sulla nave di Quattroequaranta, dove vi aspettano una piscina di champagne e balli latino americani tutta la notte! Questa domenica ritorniamo a parlare di un personaggio che abbiamo già incontrato, ovvero Franz Liszt, il pianista donnaiolo, che ci porterà con sé a[…]

Speciale 8 marzo – Le donne nella musica classica: Clara Schumann e Fanny Mendelssohn

Prima o poi la domanda sarà sorta spontanea a tutti: “ma sono esistite compositrici donne?”. La risposta è sì, ma come è ovvio la loro fama non è nemmeno comparabile a quella degli uomini. La storia si è mangiata centinaia di donne musiciste e compositrici, facendole sparire dal mondo solo perché madri, figlie, mogli e[…]