Novanta giorni per innamorarsi (programma televisivo)

novanta agg. num. card. [dal lat. pop. *nonanta (class. nonaginta), rifatto secondo novem«nove»]

A

(num) Trattasi di numero formato da nove volte dieci, e dell segno che lo rappresenta (in cifre arabe 90, in numeri romani XC). Come cifra può avere anche valore indeterminato o un’alta percentuale; o un’alta gradazione dell’angolo (vd. HARDCORE oppure ARCORE).

B

(tele) In riferimento a Novanta giorni per innamorarsi, si parla di un programma televisivo in onda dal 2014 su The Learning Channel (TLC), appartenente al gruppo Discovery, fin dagli anni Novanta una rete televisiva prima incentratasi sull’intrattenimento di medio-alta qualità, con programmi educativi e ad alto tasso culturale, solo di recente interessatasi nell’ultimo decennio al formato reality o docudrama (vd. RINCOGLIONIRE). Argomento principale è l’amore tra due persone di etnia diversa (americana e straniera), le quali potranno o meno convolare a nozze a seconda dei propri interessi (vd. SESSO) e delle proprie corrispondenze amorose (vd. SESSO).

B1

(tele) Novanta giorni è il tempo che hanno a disposizione perché questa coppia mista convoli a nozze, dato che in America, secondo la precedente riforma sull’immigrazione e sullo ius soli, uno straniero deve passare tre fasi per ottenere l’autorizzazione: immigrant petition, immigrant visa availability, immigrant visa adjudication (vd. DONALD TRUMP).

Da sposati, i tempi tecnici per l’approvazione si riducono da 5 a 3 anni, grazie all’opzione K-1, che, sì, concede maggiori sicurezze per le coppie unite o per le famiglie, ma non certezze (vd. LATINO LATINORUM). Infatti, dati i tempi di sviluppo e l’attuale amministrazione, le possibilità di acquisire la Green Card si sono ridotte in maniera significativa (vd. BUILD THE WALL). Ma tanto vale raccontare una romance ai tempi di Trump, magari con qualche strizzatina d’occhio al Cavallo di battaglia preferito dagli americani: il Sogno Americano (vd. MIRAGGIO).

B2

(tele) Generalmente la maggior parte delle coppie sono assortite in modo da far scalpore allo spettatore medio, come nel caso della coppia Molly e Louis (41 anni, Georgia; 26 anni, Santo Domingo). Lei ha due figli avuti da due compagni precedenti, un padre rigido e cinico riguardo alle vere intenzioni del suo fidanzato, e una grande passione per Louis. Lui invece è interessato, sì, ma alla Green Card (vd. VOLPE), e forse sta davvero sfruttando la situazione a suo piacimento. Però, data la struttura del programma si può assistere a un misto tra Il Segreto (vd. PROSSIMAMENTE su Enciclopedia del Trash) e un cinepanettone (vd. ME LA CIULA!). Oppure la coppia Nicole e Azan (23, Florida; 24, Casablanca), con scontri culturali, scetticismi tra famiglie e tanto disagio, come la madre di lei che viaggerà fino in Marocco e si ritroverà a dover sottostare alle usanze locali (vd. DISAGIO).

B3

(tele) “A parte la trama, volutamente da romanzo d’appendice, il bello del programma è nella rappresentazione ai limiti dello stereotipo pre-satirico del panorama americano: ex miliardari, palestrati pluridivorziati, maschilisti autocommiseranti sulla propria cultura di provenienza, asociali gattari e al limite dell’autismo sociale. Pur di mantenere la qualità ‘mista’ del programma, non troppo seria ma nemmeno troppo faceta, si punta a presentare figure figlie di luoghi comuni e scenette ormai prevedibili, come le disillusioni riguardo al Sogno Americano con il mantenimento della speranza di poterlo ancora raggiungere. Il tutto con una bella dose di erotismo sottinteso, proprio delle trasmissioni su base documentaristica,tanto per venire incontro al piacere vojeurista della stragrande maggioranza degli spettatori.” (cit. Babb & Mink, 2017)

C

(gen) Novanta corrisponde, nel libro dei sogni, alla paura, alla fifa. Oppure al concetto “Pezzo da novanta“, riferito ai capi mafia temuti, con riferimento storico ai «cannoni da 90/53» (calibro di 90 mm e bocca da fuoco lunga 53 volte il calibro, per il tiro anticarro durante la seconda guerra mondiale). È un nuovo livello di trash: se cominci ad avere paura, prendi il cannone e o ti spari o spari alla televisione (vd. BOOM).

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *