Eppure ti ho perso

Quella voce roca sempre più lontana
Le parole ormai non raggiungono più nitide
Le orecchie
Ti cerco tra mille e mille volti sconosciuti
Sapendo di non poterti trovare
Mai
Tra i banchi nessuno è come te
Chiudo gli occhi
Lasciandomi andare a memorie appannate
Vivere è una lotta
Senza di te più aspra che mai
Tenue conforto rimane il tuo sorriso
Sorriderai per sempre
Prigioniero di un attimo
Prigioniero di un tempo troppo breve
Prigioniero di un destino infame
Prigioniero di un amore
Che non ti lascia ancora riposare in pace


Silvia De Martin Pinter.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *