Dicotomie tra testo e musica: Camilla Battaglia presenta “Tomorrow” alla jazz night di Un Tubo

Un’altra jazz night si è conclusa ed Un Tubo rimane all’altezza delle aspettative del pubblico che ieri sera, 9 dicembre, ha riempito il locale per il concerto di Camilla Battaglia. Figlia di jazzisti, Camilla Battaglia ha studiato proprio al Siena Jazz e non è la prima volta che si esibisce ad Un Tubo. Questa volta è tornata per presentare il suo disco “Tomorrow”. Un lavoro complesso, maturo e coinvolgente che cerca di raccontare delle storie attraverso la musica e che fin da subito nasce con l’idea di portare in giro e di far conoscere il jazz tramite concerti live, che alla luce dell’attuale crisi discografica, sono fondamentali per ogni musicista che vuole farsi apprezzare.

Camilla Battaglia - Tomorrow

La copertina del nuovo disco di Camilla Battaglia

Come dice lei stessa, questo disco è frutto di talenti di musicisti diversi: alcuni pezzi del disco sono registrati da un settetto, che con l’apporto artistico dei singoli componenti, ha fatto nascere questo progetto. La formazione che però si è esibita ieri sera è un quartetto: voce (Camilla Battaglia), basso (Andrea Lombardini) e batteria (Bernardo Guerra) ampliata da un alto sax (David Binney) e dall’uso dell’elettronica.

Il progetto nasce da un grande lavoro di preparazione e da tante prove che hanno portato poi alla registrazione in studio dove il processo creativo è stato approfindito. Come dice Camilla «sono venute fuori tante idee mentre registravamo». Idee che hanno dato la vita a delle tracce complesse, che riescono a rendere bene uno specifico contrasto: da un lato testi quasi adolescenziali e molto “cheesy”, che parlano di amore e di relazioni sentimentali, nel solco di una cultura pop/rock dalla quale non ci si vuole discostare; dall’altro sonorità e gestione della musica che invece appartengono al mondo del jazz e dell’improvvisazione.

La dimensione del testo e delle parole che si relazionano alla musica è l’idea principale che fa scaturire questi contrasti. Nel disco, infatti, si può trovare un processo creativo duplice:  alcuni pezzi nascono come canzoni strumentali, a cui poi è stato aggiunto il testo, che serve per raccontare il percorso della musica. Vi sono, però, anche pezzi nati per raccontare una storia a cui solo dopo è stata aggiunta una melodia. Questi due modi diversi di unire testo e musica nascono da un lavoro di ricerca e di sperimentazione fatta negli ultimi anni da Camilla e dai suoi musicisti.

Un’esibizione live, quella di questo quartetto, che è riuscita a rendere vivida e chiara la complessità e la bellezza di fare musica d’insieme, caratteristica che nel jazz è molto evidente e fondamentale. La performance è stata poi impreziosita dalla presenza di Francesco Fiorenzani, che si è aggiunto alla chitarra elettrica per una canzone. Tutto questo, unito alle dicotomie tra testo e musica, è ciò che ha contraddistinto il concerto di ieri sera. Un Tubo riesce sempre a offrire serate magiche all’insegna del buon bere e della buona musica.

Potete trovare la programmazione completa degli eventi del locale sia sulla pagina Facebook ufficiale sia sul sito di Un tubo.

Costanza Lusini

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *