Scene da Faust: il mito di Faust al teatro dei Rozzi

L‘essenza di un teatro è descrivibile con un palcoscenico, qualche attore, una sceneggiatura e una platea. Questa è la rappresentazione vera e propria, quella a cui lo spettatore s’accinge ad assistere quando compra il biglietto. Non è stato così per me nel caso di ‘Scene da Faust’. Ma andiamo con ordine. La vera anima del[…]

Alexander Romanovsky: la perfezione di un concerto

Finalmente, dopo tre anni di quasi assidua frequentazione dei concerti dell’Accademia Chigiana, mi assegnano un palco al primo ordine in una posizione fantastica. Il Teatro dei Rozzi, non proprio sold out, è stato un ottimo sfondo a un concerto peculiare sotto molti aspetti: innanzitutto, il programma prevedeva un solo brano, le 33 variazioni su un[…]

“Arlecchino servitore di due padroni”: la commedia ai Rinnovati

Di Goldoni a teatro se ne vede poco. Come, allo stesso tempo, appare poco probabile che una stagione teatrale metta in scena una tragedia greca. Pare esserci una certa ritrosia nel rappresentare opere che distanziano lo spettatore di qualche secolo. Ma quando tale riluttanza viene superata, ecco che la diffidenza del pubblico si trasforma in[…]

Ambra Angiolini e Ludovica Modugno: ‘Il nodo’ tra umanità e dolore

TRAUMA E PALCOSCENICO È andata in scena domenica 12 gennaio al teatro dei Rozzi la seconda e ultima replica de ”Il nodo”, con Ambra Angiolini e Ludovica Modugno. Lo spettacolo è tratto dal testo omonimo di Johanna Adams e tratta di verità atroci e attuali, quali il bullismo. Un’umanità sofferente e spezzata, in una chiave[…]

“Pinocchio” di Matteo Garrone: una recensione

Non c’è periodo migliore del Natale per trascorrere un pomeriggio al cinema, riscoprire la magia delle luci che si spengono, il brusio degli spettatori che s’acquieta e l’immergersi nella storia narrata da uno schermo ampissimo, accogliente. Con queste premesse, e anche con un filo di curiosità, sono andata a vedere l’ultimo Pinocchio, scritto e diretto[…]

A Christmas Carol: istruzioni per l’uso. Come rileggere un classico natalizio

Il mio Natale Passato, Presente e Futuro. La domanda è questa: cosa fa del Natale il Natale? Credo e spero che tutti voi che leggete questa rubrica abbiate degli splendidi ricordi del Natale di quando eravate bambini. Io ricordo che tutto quello che facevamo alle elementari diventava a tema natalizio. Ogni disegno, lavoretto (perché li[…]

Fairytale of New York: fiaba e anti-fiaba di Natale

Natale è alle porte, e come uRadio per entrare in clima da camino acceso da settimane vi proponiamo alcuni brani delle feste poco battuti. Oggi voglio raccontarvi di una canzone che potreste non conoscere, ma che è molto famosa. Sì perché nel Regno Unito questo pezzo è considerato uno dei massimi classici natalizi, tanto da[…]

Roll over Beethoven: i concerti per pianoforte dispari

L’Accademia Chigiana, in collaborazione con l’Accademia Pianistica Internazionale “Incontri col Maestro” di Imola, ha un obiettivo ambizioso: eseguire l’integrale dei concerti per pianoforte e orchestra di Beethoven. Ciò è inserito in un progetto ancora più ambizioso: Roll over Beethoven, rassegna di concerti dedicati al maestro di Bonn per celebrare il suo 250º compleanno. L’esecuzione della[…]

“God rest ye Merry Gentlemen” – le canzoni di Natale più belle!

Dicembre è appena iniziato e l’aria di Natale già inizia a respirarsi in tutti i negozi e le strade della città. Mentre aspettiamo che Michael Bublè emerga dalla sua caverna in tempo per il periodo natalizio, vi siete mai chiesti che cosa si ascoltava prima dei classici più recenti? Se vi incuriosisce la risposta a[…]

Macbettu: ai Rinnovati il premio Ubu Alessandro Serra

Quando il teatro si spoglia di tutto, cosa resta? A volte a teatro capitano magie. Basta poco: luci, corpi, spazi. Questo è successo andando a vedere Macbettu. Basta garantire quella apparente povertà che può diventare emozione devastante. è qui che la parola può anche farsi silenzio, è qui che tutto ciò che sembra niente ha[…]