Il Quartetto Brentano ci regala il miglior concerto della stagione

Siamo stati troppo tempo senza un concerto della stagione Micat in Vertice: la pausa natalizia è durata fino a ieri, venerdì 18 gennaio. Il silenzio è stato rotto dal Quartetto Brentano, una delle più celebri formazioni cameristiche al mondo, con un programma che raccoglie due capisaldi della letteratura quartettistica: il Quartetto n. 32 “Sonnenquartett n.[…]

Un noviziato alla musica classica con gli Studi di Chopin

A Liliana Quattroequaranta ritorna in scena dopo mesi di imperdonabile assenza. Questo ultimo periodo è stato uno dei più strani e complessi della mia vita, sia a livello personale che a livello “professionale” e ho la netta sensazione che, andando avanti col tempo, sarà ancora peggio. O meglio, dipende dai punti di vista. Storia e[…]

Italia Sì, Italia No: i miei album italiani del 2018

Con molta calma arrivo anche io. Quando questo articolo sarà pubblicato saremo nel 2019 ormai quasi da un paio di settimane. Ma, visto che su Glamodrama ci piace fare le cose con molta calma, la top 10 dei miei album italiani dell’anno appena passato ve la beccate a inizio gennaio e non, come tradizione vuole,[…]

La top 10 (+5) dell’indie 2018

Siamo giunti alla fine di questo 2018, che è stato particolarmente ricco per il panorama indie italiano. Ma, in un’era dove l’indie è mainstream, decidere cosa faccia parte di una categoria o dell’altra è particolarmente complesso. Quindi, ecco a voi la più faziosa delle top 10 delle uscite indie italiane che il web possa offrire.[…]

“Partir” di Elina Duni: il coraggio del dolore

“C’è un preciso momento in cui dal dolore nasce la gioia, questo mistero dell’essere, questa trascendenza del male”. Così recita il programma di sala che tengo stretto tra le dita arrossate dal freddo mentre, miracolo!, mi precipito sull’unico panchetto rimasto libero sulla balconata. Alzo lo sguardo verso l’affresco sul muro e mi rendo conto che[…]

Fare un 68. I Baustelle all’Università di Siena

Chi sono loro, chi siete voi? Un’ occupazione pacifica: è questo lo slogan del mini ciclo d’incontri che i Baustelle hanno tenuto in alcuni atenei del centro Italia. La band di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi e Claudio Brasini, accompagnata per l’occasione dal chitarrista Andrea Faccioli, ha scelto proprio l’Università di Siena come ultima tappa di[…]

L’oboe e il pianoforte possono regalare un’atmosfera magica?

Non tutti i concerti di musica classica hanno come protagonisti grandi orchestre o uno spettacolare programma concentrato sul pianoforte solista. A volte, per creare un’atmosfera magica, bastano un oboe e un pianoforte. Ma non stiamo parlando di due strumenti (e due musicisti) qualunque. Ieri, venerdì 7 dicembre, il Salone dei concerti dell’Accademia Chigiana si è[…]

Corsi e ricorsi storici: la rivoluzione del 1991

Glamodrama torna con il suo terzo appuntamento! Questa volta ci spostiamo indietro nel tempo e analizzeremo una delle annate, musicalmente parlando, più ricche. Nella storia del rock, e della musica in generale, sono spesso attuate delle periodizzazioni, magari non rilevanti nella pratica d’ascolto ma utili a farci muovere all’interno dei vari generi e sottogeneri, che[…]

Verso la Micat in Vertice: la Sonata per oboe e pianoforte di Poulenc

Venerdì 7 dicembre ci sarà un nuovo appuntamento con la Micat in Vertice, stagione concertistica dell’Accademia Chigiana. Avremo l’opportunità di ascoltare un duo composto da Paolo Grazia all’oboe e Roberto Prosseda al pianoforte, con un programma che tocca diversi periodi storici e musicali. Un viaggio nel tempo Si partirà con le Tre romanze op. 94[…]

Aroura/Aurora, ovvero sul caos generatore

Aroura abbraccia il respiro di Gea, muove dalle sue forze telluriche, sfiora le labbra delle sue voragini attraverso le quali la vita viene alla terra. È l’alba dei tempi, il passo dal buio al primo lume che splende in alto. È natura, contatto, macchina. Oscura come il teatro, Aroura avvolge l’ascoltatore nell’involucro stridente del prenatale,[…]