Arte oltre il muro: mostra di opere senza frontiere

Arte oltre il muro. Autorappresentazione e racconto del popolo palestinese

Domani 5 dicembre presso l’Auditorium del Santa Chiara Lab alle 18 verrà presentato il programma di Arte oltre il muro, una serie di mostre, incontri e proiezioni riguardo al mondo del popolo palestinese. L’iniziativa è promossa da Link Siena in collaborazione di FotografiSenza Frontiere, Centro Italiano di Scambi Culturali, Shababik Gaza e Santa Chiara Lab.

Il progetto vuole volgere uno sguardo verso quella che è una situazione complessa e in continuo equilibrio precario, per raccontare quella che è la quotidianità di un popolo che ha sofferto (e sta soffrendo) tanto. Come sottolineano le curatrici dell’allestimento Marta Lonzi e Valeria Palleschi, entrambe parte di Link Siena, l’arte qui torna ad essere uno strumento conoscitivo e narrativo per andare a tessere quella che è la storia di questi uomini e donne. “Windows from Gaza, nome della mostra visibile in questi spazi, è un modo per dire che malgrado la cenere sparsa sulla città, nelle sue viscere continua ad ardere un immenso fuoco”. Queste le parole di Andrea Camilleri, sostenitore fin dagli inizi dell’esposizione, che mettono in luce la forza umana che caratterizza le persone vissute in quest’area.

La mostra raccoglie le opere di tre diversi artisti palestinesi e una retrospettiva fotografica sui venti anni dell’associazione Fotografi Senza Frontiere. Le opere pittoriche sono realizzate con materiali poveri a causa della situazione che colpisce la Striscia di Gaza da diverso tempo, ma il nucleo di quanto esposto è l’universalità del gesto artistico, visto come espressione di desideri e stati e d’animo. Basel, Majed e Shareef altro non fanno che imprimere sulla tela la loro dichiarazione di resistenza e di flebile libertà, ricordandoci che la sofferenza umana riguarda tutti, nessuno escluso.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *